-3.4 C
Rome
domenica, Novembre 28, 2021

Nicola Gratteri: da 800 promessi da Alfano ne arrivano solo 80. La ‘ndrangheta è una cosa seria!

Must read

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

nicola gratteri - antimafia-reggio calabria - angelino alfano
Nicola Gratteri – Procuratore Aggiunto della Dda di Reggio Calabria

A cura de IL PARLAMENTARE.IT/

Il procuratore Aggiunto della Dda di Reggio Calabria Nicola Gratteri  lo dice chiaro: “Alfano ci ha detto che avrebbe portato 800 uomini, ne sono arrivati una ottantina”.

“Se qui non manda persone qualificate, per raggiungere il numero che fa? Trasferisce i ragazzi freschi di scuola perché imparino il mestiere? La ‘ndrangheta è una cosa seria, noi abbiamo bisogno di investigatori in grado di lavorare a un’informativa, ci servono le auto che non abbiamo e non grandi numeri. Non posso consentire a nessuno, chiunque sia, di raccontare storielle ai calabresi”.

UNA PROCURA DELLA REPUBBLICA SPECIALE
Quella di Reggio Calabria è una Procura antimafia che nel corso dell’ultima indagine è riuscita a coordinare ben nove sistemi giudiziari diversi fra di loro e Nicola Gratteri  fa riferimento ai contatti, avuti al momento della costituzione del governo guidato da Matteo Renzi, per diventare ministro della Giustizia. “A contattarmi è stato Graziano Del Rio – ha aggiunto – con il quale sono stato molto chiaro: rischio tutto ma voglio carta bianca. E carta bianca  – ha aggiunto il Procuratore Antimafia – significava avere il potere di smontare e rimontare il Ministero della Giustizia a mio piacimento, modificare i codici. Il mio non è stato un sì facile. Non ho dormito quella notte. Renzi ci teneva tantissimo perché sa che sono più pazzo di lui e che avrei ribaltato tutto».

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Prosecco: De Castro-Dorfmann, no a falso made in Croazia.

“Non possiamo tollerare che la denominazione protetta “Prosecco”, una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi, in...