-3.4 C
Rome
domenica, Novembre 28, 2021

L’Italia scappa tenendo stretta la Costituzione alla vista di Matteo Renzi a nudo

Must read

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

La vignetta di Giampiero Scola
La vignetta di Giampiero Scola

Mai l’Italia è stata oggetto di violenza, come quella che scappa da un Matteo Renzi che, per dimostrare quanto sia capace di grandi performance, si è messo letteralmente a nudo, mostrando i suoi peggiori attributi. E’ questa l’interpretazione che diamo alla vignetta dell’Avvocato cosentino Giampiero Scola, eccellente caratterista dalla matita davvero appuntita.

L’interpretazione di Giampiero Scola sintetizza una campagna referendaria tramite la quale gli italiani hanno subito ogni forma di insidia che fosse in grado di sostenere il “sì”. Un vero e proprio bombardamento mai visto in simili proporzioni effettuato sui cittadini italiani attraverso ogni forma di comunicazione: dalla posta elettronica, alla bannerizzazione martellante sui video di You Tube, alle lettere spedite tramite posta, all’utilizzo davvero massivo e sfacciato della televisione di Stato. Una pubblicità sfacciata e a tratti simile a quella che potrebbe proporre una batteria di pentole o un materasso ma non certo un intervento sulla Costituzione, cuore palpitante della Democrazia della nostra Repubblica. E così, giustamente e con pudore, l’Italia raffigurata da Giampiero Scola, afferra la Costituzione e scappa via gridando NO! Una profezia? certamente, la volontà di un paese che ne sta subendo di ogni colore e che dimostra in ogni città e in ogni quartiere, di non gradire le violenze che sta subendo.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

CIS Centro Storico di Cosenza: presentate denunce presso diverse Procure della Repubblica

La Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” unitamente a diversi soggetti professionali chiamati a redigere progetti mirati alla...

Franz Caruso Sindaco di Cosenza. Adamo: vittoria frutto di “ingegneria politica”

di Fabio Gallo/ Le Amministrative di Cosenza sono state combattute fino all'ultimo voto disponibile nella Valle del Crati...

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

A cura del direttore Viviana Normando/ Nel cuore della Città Storica di Cosenza abbandonata all'incuria della politica e del tempo che l'hanno desertificata, è sorto "un...

Sui prezzi dell’energia l’Europa si divide.

Il Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia, riunito a Lussemburgo per portare sul concreto le azioni contro il caro bollette, si è chiuso con...

Prosecco: De Castro-Dorfmann, no a falso made in Croazia.

“Non possiamo tollerare che la denominazione protetta “Prosecco”, una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi, in...