-22.2 C
Rome
venerdì, Gennaio 21, 2022

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Must read

Flavio Felice parla dei Popolari liberi e forti del 2022 nel webinar di Libertà Civica

Oggi, 18 gennaio, giorno dell'anniversario dell’Appello di don Luigi Sturzo prende vita la conferenza sul tema “Oggi, liberi e forti”. Questo il titolo asciutto...

Pordenonelegge, un progetto dedicato a Pasolini

(ANSA) - PORDENONE, 20 DIC - Fondazione Pordenonelegge guarda al 2022 con tante iniziative programmate dai primi...

ESA sceglie Leonardo per il centro operativo di cyber sicurezza

Milano, 21 dic. (askanews) – Leonardo ha siglato con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) un contratto per progettare,...

Taccuino Quirinale, Omicron il potente e influente “grande elettore”

Roma, 30 dic. (askanews) – Coi contagi ormai a quota centomila e la variante Omicron (5 volte...

di Fabio Gallo

Fabio Gallo - Franz Caruso
Da sx: Fabio Gallo – Franz Caruso

Facendomi carico delle tante richieste dei cittadini di Cosenza e di numerosi artisti anche internazionali che mi hanno gratificato della loro attenzione, ho rivolto tali pubblici auspici al Sindaco di Cosenza Franz Caruso per “adottare” il Teatro di tradizione Alfonso Rendano di Cosenza proponendomi per la Direzione Artistica dello stesso. Credo di avere requisiti in abbondanza. Eccoli. CLICCA QUI.

Non credevo, però, lo ammetto, di trovare un Teatro di “tradizione”, così abbandonato all’incuria, al degrado strutturale, al disinteresse politico e istituzionale di chi ha governato sino ad oggi la Città, nonostante rappresenti il luogo più importante della Città di Cosenza e dell’intera Regione a livello culturale. Una situazione che anche da ex candidato Sindaco della Città di Cosenza non posso tollerare e non voglio tacere, unitamente a tutti i cittadini che chiedono a gran voce il ritorno alla manifestazione dell’Arte e della Cultura in Città. E non mi fermerò fino a quando il Teatro di tradizione Alfonso Rendano tornerà a risplendere sia a livello strutturale che a livello artistico.

Un secchio per la raccolta dell’acqua piovana che penetra dal tetto nel ridotto del Teatro Alfonso rendano di Cosenza.

Il Teatro Rendano necessita di immediati interventi: piove nella Sala “Maurizio Quintieri”, il ridotto del Teatro, ove è stato posto un secchio per la raccolta dell’acqua che ha già distrutto gli stucchi dei decori dorati e penetrato l’intero cielo della grande sala. Uno spettacolo indecoroso testimone di anni di incuria e disinteresse.

Infiltrazioni di acqua nel ridotto del Teatro Alfonso Rendano (Sala Maurizio Quintieri)

Eppure, il ministro Dario Franceschini ha reso disponibili ben 90 milioni di Euro per la riqualificazione urbana della Città Storica di Cosenza e bisogna chiedersi se la precedente amministrazione comunale ha inserito la riqualificazione del luogo più importante per la Cultura della Città.

Scala d’ingresso alla Sala del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza disseminato di muffa

Ho effettuato una ricognizione nei locali del Teatro e posso dire che mai, dico mai, anche nei luoghi definiti da “terzo mondo” che pure ho conosciuto per i tanti anni di professione internazionale nel mondo dell’Arte, ho visto abbandonati in tale maniera. Anzi, i Teatri in queste latitudini sono sempre molto decorosi e simbolo di crescita e sviluppo nel mantenimento dei loro interni e delle attrezzature, se pur minime. La scalinata di accesso principale alla Sala è disseminata di muffa sulle pareti dalle quali è evidente il distacco di stucchi. Nei corridoi di servizio ai palchi sono visibili lesioni assai preoccupanti e segni di umidità sparsi ovunque.

Teatro di tradizione Alfonso Rendano di Cosenza – le scale nell’edificio

I marmi delle scale in alcuni luoghi sono completamente spezzati con grave rischio per l’incolumità di chi vi accede. Per non parlare dei locali che sarebbero dovuti essere la celebre biglietteria del Teatro, letteralmente divorata dall’umidità, segno evidente di importanti infiltrazioni d’acqua che devono assolutamente essere fermate.

Nella prestigiosa Sala e nei palchi mancano, incredibile a credersi, anche le lampadine e non solo non è possibile ammirare la bellezza della stessa sala. Uno sguardo agli ambienti destinati a Sartoria, sala trucco, attrezzeria, fanno chiaramente intendere che il Teatro Alfonso Rendano ha subito la grande incapacità di chi ne ha avuto responsabilità amministrativa riducendolo ad una sorta di grande magazzino abbandonato. Inconcepibile.

La Sala del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza al buio perché mancano le lampadine

Questo è l’impegno che assumo con i cittadini e con il Sindaco di Cosenza che, dal canto suo, si troverà a combattere contro i fantasmi del passato ed un dissesto finanziario che porrà molti limiti all’amministrazione. Ma credo che se ognuno di noi farà ciò che sa fare bene, ne usciremo dando un esempio di buona politica indispensabile perché Cosenza torni ad essere una meta ambita dal mondo dell’a Cultura e del turismo culturale.

Dettaglio di un corridoio che porta ai palchi del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza (uscita di sicurezza)

Abbiamo visto cosa, la cattiva gestione politica, può portare di male alla Città e allo sviluppo socio culturale della comunità dei cittadini. Il fatto che non vi sia da anni una degna stagione lirica non mutuata ma reale, pone a rischio anche il continuare ad essere un Teatro di “tradizione”.

Nel corso della visita nel Teatro Alfonso Rendano ho avvertito un vuoto di civiltà, di quel senso civico cui noi tutti non possiamo rinunciare per non essere rubricati come cittadini di serie “B”. E’ nel mantenimento del nostro patrimonio culturale che si manifesta la buona politica ed il vivere civile e culturale, anche alla base dello sviluppo di nuove economie sostenibili che guardano all’impegno delle future generazioni. Sono certo che insieme al Sindaco di Cosenza Franz Caruso potremo fare molto per rivedere centrale il Teatro perché si possa presto tornare a parlare di quella Cosenza che un tempo meritò di essere definita l’“Atene della Calabria”.

Ho condiviso con il Sindaco di Cosenza Franz Caruso un programma preciso che, sono certo, sarà in grado di vivificare e riportare il Teatro Rendano agli antichi splendori, potendo contare personalmente su una più che ventennale esperienza di settore.

IL COMPITO DEI TEATRI DI TRADIZIONE/
I Teatri di tradizione, disciplinati dall’art. 28 della legge 14 agosto 1967, n.800 e, per il triennio 2018 – 2020, dall’art. 18 del D.M. 27 luglio 2017, hanno il compito di promuovere, agevolare e coordinare le attività musicali nel territorio delle rispettive province. La legge 800/67 prevede che il Ministro, sentita la Commissione Consultiva per il settore Musica, possa con proprio decreto riconoscere la qualifica di “teatro di tradizione” a teatri che dimostrino di aver dato particolare impulso alle locali tradizioni artistiche e musicali.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Flavio Felice parla dei Popolari liberi e forti del 2022 nel webinar di Libertà Civica

Oggi, 18 gennaio, giorno dell'anniversario dell’Appello di don Luigi Sturzo prende vita la conferenza sul tema “Oggi, liberi e forti”. Questo il titolo asciutto...

Pordenonelegge, un progetto dedicato a Pasolini

(ANSA) - PORDENONE, 20 DIC - Fondazione Pordenonelegge guarda al 2022 con tante iniziative programmate dai primi...

ESA sceglie Leonardo per il centro operativo di cyber sicurezza

Milano, 21 dic. (askanews) – Leonardo ha siglato con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) un contratto per progettare,...

Taccuino Quirinale, Omicron il potente e influente “grande elettore”

Roma, 30 dic. (askanews) – Coi contagi ormai a quota centomila e la variante Omicron (5 volte...

L’Euro compie 20 anni. Adottata in 19 paesi la moneta unica è la valuta più usata nel mondo.

Il cammino verso l'unione monetaria sono iniziati nel 1988, dal primo gennaio del 2002 la valuta comune è entrata concretamente nelle tasche...